La Thuile Invernale

DIOCESI DI AOSTA – PARROCCHIA SAN NICOLA – LA THUILE

FOGLIO SETTIMANALE         N°2(2018)

07 - 14 gennaio 2018 

 EPIFANIA DEL SIGNORE

SABATO 06 gennaio

h.08:30

 

h.10:30

 

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

 

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

 

Eucaristia (in Chiesa)

 

BATTESIMO DEL SIGNORE

Is 55,1-11; Is 12 Attingeremo con gioia alle sorgenti della salvezza. 1Gv 5,1-9; Mc 1,7-11.

 

DOMENICA

07 Gennaio

BATTESIMO DEL SIGNORE

h. 08:30

 

 

h. 10:30

 

h. 17:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

- per i benefattori della parrocchia

Eucaristia (in Chiesa)

- FERRUCCIO MELLÈ 1º ann.

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

LUNEDÌ 08 gennaio

S. Severino

 

 

 

 

MARTEDÌ 09 gennaio

S. Giuliano

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

MERCOLEDÌ 10 gennaio

S. Aldo

h. 08:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

GIOVEDÌ 11 gennaio

S. Igino

h.18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

- CORRADO e LEONARDO per aiuto

VENERDÌ 12 gennaio

S. Modesto

h. 16:00

 

h. 18:30

Eucaristia (Microcomunità)

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

- CELESTE JACQUEMOD

II DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

1Sam 3,3-10.19;Sal 39 Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà.

1Cor 6,13-15.17-20; Gv 1.35-42

SABATO 13 gennaio

S. Ilario

h. 18:30

Eucaristia (in Chiesa)

- RAVELLI EMILIO e fam.

DOMENICA

14 Gennaio

S. Felice di Nola

h. 08:30

 

h. 10:30

 

h. 17:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

 

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

 

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

  

AVVISI

1.     Pulizie della Chiesa: THOVEX-BUIC (07 - 14 gennaio 2018)

2.     Confessioni a Morgex giovedì 11 gennaio 2018 ore 09:00 - 10:30.

3.     06 gennaio 2018 – Giornata dell’infanzia missionaria.

4.     14 gennaio 2018 - 104ª Giornata del migrante e del rifugiato.

Responsabile dei fiori in Chiesa - GABRIELLA e MARIE LOUISE tel. 0165884253

 

 

EPIFANIA DEL SIGNORE

Dal Vangelo secondo Matteo 2, 1-12

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”».

Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo».

Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

 

BATTESIMO DEL SIGNORE

Dal Vangelo secondo Luca 1, 7-11

In quel tempo, Giovanni proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nàzaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

 

DIO VI BENEDICA!

DIOCESI DI AOSTA – PARROCCHIA SAN NICOLA – LA THUILE

FOGLIO SETTIMANALE         N°1(2018)

31 dicembre 2017 – 07 gennaio 2018 

 

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE

Gen 15,1-6;21,1-3; Sal 104 Il Signore è fedele al suo patto. Eb 11,8.11-12.17-19; Lc 2,22-40

 

SABATO 30 dicembre

S. Eugenio vescovo

h. 18:30

Eucaristia (in Chiesa)

DOMENICA 31 dicembre

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE

h. 08:30

 

h. 10:30

 

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

- per i volontari della Chiesa

Eucaristia (in Chiesa)

 

Eucaristia con Te Deum (in Chiesa)

MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

Nm 6,22-27; Sal 66 Dio abbia pietà di noi e ci benedica. Gal 4,4-7; Lc 2,16-21

 

MARIA SANTISSIMA, MADRE DI DIO

LUNEDÌ

01 gennaio 2018

 

h. 08:30

 

h. 10:30

 

h. 17:00

 

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

 

Eucaristia (in Chiesa)

 

Eucaristia (in Chiesa)

 

Eucaristia (in Chiesa)

MARTEDÌ 02 gennaio

S. Basilio e Gregorio

 

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

MERCOLEDÌ 03 gennaio

Ss. Nome di Gesù

 

h. 08:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

GIOVEDÌ 04 gennaio

S. Angela da Foligno

 

h.18:30

h.21:00

 

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

Concerto Gospel (in Chiesa)

VENERDÌ 05 gennaio

S. Amelia

 

h. 18:30

 

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

Vigilia dell’Epifania

BATTESIMO DEL SIGNORE

Is 55,1-11; Is 12 Attingeremo con gioia alle sorgenti della salvezza. 1Gv 5,1-9; Mc 1,7-11.

 

SABATO 06 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE

h. 18:30

Eucaristia (in Chiesa)

DOMENICA

07 Gennaio

BATTESIMO DEL SIGNORE

h. 08:30

 

h. 10:30

 

h. 17:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

- per i benefattori della chiesa

Eucaristia (in Chiesa)

- FERRUCCIO MELLÈ 1º ann.

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

 

 

AVVISI

1.     Pulizie della Chiesa: MOULIN (31 dicembre 2017 – 07 gennaio 2018)

2.     Confessioni a Morgex giovedì 04 gennaio 2018 ore 09:00 - 10:30.

3.     01 gennaio 2018 - 51ª Giornata mondiale della pace!

4.     06 gennaio 2018 – Giornata dell’infanzia missionaria.

Responsabile dei fiori in Chiesa - GABRIELLA e MARIE LOUISE tel. 0165884253

 

Dal Vangelo secondo Luca 2, 22.36-40

Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, [Maria e Giuseppe] portarono il bambino [Gesù] a Gerusalemme per presentarlo al Signore.

Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.

 

Incredibile! Gesù, la sorgente di vita, il Redentore, la luce dei non credenti, l’onore di Israele, è destinato ad essere un segno di contraddizione; egli che è chiamato a portare la redenzione dovrà, nello stesso tempo, essere la spina che provocherà la perdita di molti uomini. E colei che ha dato alla luce il Redentore, che ha unito in sé l’amore di Dio e quello dell’uomo, è destinata a sopportare il dolore della spada che trapassa il cuore! 
Tutto ciò sembra strano, eppure è stato proprio così: l’incredibile è successo. 
La profezia di Simeone si compie nella sua totalità nei secoli. 
Il cuore di Maria ha conosciuto il dolore di sette spade che lo trapassavano quando lei tremava per la vita del Bambino durante la fuga in Egitto; quando lo vedeva sfinito, non compreso, umiliato nel suo apostolato; quando venne arrestato, processato, torturato, e quando lo accompagnò nella via della croce, vedendolo soffrire e morire sulla croce. Ancora oggi Maria continua a soffrire con noi quando pone il suo sguardo sulle nostre pene e sulle nostre sofferenze, continua a soffrire con noi che rischiamo, coi nostri peccati, di perderci. 
È raro vedere un ritratto o una statua della Madonna sorridente, mentre quasi in ogni chiesa vediamo rappresentata Maria addolorata. 
Gesù è venuto dai suoi, ma i suoi non l’hanno accolto (Gv 1,6); ha portato la luce, ma il mondo è rimasto nelle tenebre. Gesù cercava la redenzione di tutti, ma molti l’hanno respinto, hanno lottato contro di lui. Per costoro è divenuto un segno di condanna. Per questo è segno di divisione: ognuno di noi porta in cuore delle contraddizioni e si scontra con degli ostacoli per seguire Gesù. Dobbiamo imparare ad accogliere il suo amore. 
Noi tutti abbiamo nostalgia dell’amore. Ma la nostalgia non basta. Occorre che i raggi dell’amore ci raggiungano e si infiammino per divenire un grande fuoco che ci scaldi e che ci dia il coraggio di vivere e di sacrificarci in nome di Cristo, affinché la Madre di Dio possa guardarci non più con le lacrime agli occhi, ma col sorriso.
(www.lachiesa.it)

 

 

AUGURI 2018!!!