La Thuile Invernale

DIOCESI DI AOSTA – PARROCCHIA SAN NICOLA – LA THUILE

FOGLIO SETTIMANALE N°48(2019)

29 dicembre 2019 - 05 gennaio 2020

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE
Sir 3,2-6.12-14; Sal 127 Beato chi teme il Signore e cammina nelle sue vie. Col 3,12-21; Mt 2,13-15.19-23

SABATO 28 dicembre

S. Innocenti martiri

h. 18:30      Eucaristia (in Chiesa)

DOMENICA
29 DICEMBRE 2019

h. 08:30

 

h. 10:30

h. 18:30

h. 21:00

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

 - per i volontari della Chiesa

Eucaristia (in Chiesa)

Eucaristia (in Chiesa)

Concerto di Natale "La Notte della Cometa" - Barabàn

LUNEDÌ 30 dicembre

S. Eugenio vescovo

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

MARTEDÌ 31 dicembre

S. Silvestro papa

h. 18:30

Eucaristia con Te Deum (in Chiesa)

- in ringraziamento

MERCOLEDì

01 GENNAIO 2020

MARIA

SANTISSIMA

MADRE DI DIO

h. 08:30

h. 10:30

h. 17:00

h. 18:30

Eucaristia (in Chiesa)

Eucaristia (in Chiesa)

Eucaristia (in Chiesa)

Eucaristia (in Chiesa)

GIOVEDÌ 02 gennaio

S. Basilio e Gregorio

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

VENERDÌ 03 gennaio               h. 18:30           Eucaristia (in Cappella San Francesco)

Santissimo Nome di Gesù

II DOMENICA DI NATALE
Sir 24,1-4.12-16; Sal 147 Il verbo si è fatto carne e ha posto la sua dimora in mezzo a noi. Ef 1,3-6.15-18; Gv 1,1-18

SABATO 04 gennaio

S. Angela da Foligno

h. 18:30      Eucaristia (in Chiesa)

h. 21:00      Concerto del Coro Polifonico di Aosta (in Chiesa)

DOMENICA
  05 GENNAIO 2020

h. 08:30

 

h. 10:30

h. 17:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

- per i benefattori della parrocchia

Eucaristia (in Chiesa)

Eucaristia (in Chiesa)

AVVISI

  1. Pulizie della Chiesa: MOULIN (29 dicembre 2019 - 05 GENNAIO 2020)

  2. Responsabile dei fiori - GABRIELLA e MARIE LOUISE tel. 347 096 9869

DIO VI BENEDICA!

AUGURI 2020!

DIOCESI DI AOSTA – PARROCCHIA SAN NICOLA – LA THUILE

FOGLIO SETTIMANALE N°47(2019)

22 - 27 dicembre 2019

IV DOMENICA DI AVVENTO

Is 7,10-14 Sal 23 Ecco, viene il Signore, re della gloria. Rm 1,1-7; Mt 1,18-24

SABATO 21 dicembre

S. Pietro Canisio

h. 18:30 Eucaristia (in Chiesa)
- secondo l’intenzione dell’offerente

- ANNA, PAOLINO e RAFFAELLA

DOMENICA
22 DICEMBRE 2019

h. 08:30

h. 10:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

LUNEDÌ 23 dicembre

S. Giovanni da Kety

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

NATALE DEL SIGORE

24 DICEMBRE 2019

h. 23:00

Veglia di Natale con Presepio vivente (in Chiesa)

NATALE DEL SIGORE

25 DICEMBRE 2019

h. 08:30

h. 10:30

h. 18:30

Eucaristia (in Chiesa)

Eucaristia (in Chiesa)

Eucaristia (in Chiesa)

GIOVEDÌ 26 dicembre

S. Stefano, primo martire

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

VENERDÌ 27 dicembre               h. 08:30           Eucaristia (in Cappella San Francesco)

S. Giovanni, ap.

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE
Sir 3,2-6.12-14; Sal 127 Beato chi teme il Signore e cammina nelle sue vie. Col 3,12-21; Mt 2,13-15.19-23

SABATO 28 dicembre

S. Innocenti martiri

h. 18:30      Eucaristia (in Chiesa)

DOMENICA
29 DICEMBRE 2019

h. 08:30

h. 10:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

Eucaristia (in Cappella San Francesco)


CONFESSIONI PER NATALE 2019
LUNEDÌ 23 E MARTEDÌ 24
dalle ore 09:00 - 12:00 in Chiesa
CONFESSIONALE MOBILE
Su richiesta per le confessioni mi posso spostare io, don Eugen Mateias e raggiungervi al vostro domicilio. tel. 3333545745

AVVISI

  1. Pulizie della Chiesa: VILLARET (22 - 29 dicembre 2019)

  2. Responsabile dei fiori - GABRIELLA e MARIE LOUISE tel. 347 096 9869

Dal Vangelo secondo Matteo 1,18-24

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”. Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa. Parola del Signore.

Dal Vangelo secondo Luca 2,1-14

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città.
Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta.

Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio. C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia».

E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

DIO VI BENEDICA!

BUON NATALE!

DIOCESI DI AOSTA – PARROCCHIA SAN NICOLA – LA THUILE

FOGLIO SETTIMANALE N°46(2019)

15 - 22 dicembre 2019

III DOMENICA DI AVVENTO

Is 35,1-6.8.10 Sal 145 Vieni, Signore, a salvarci. Gc 5,7-10; Mt 11,2-11

SABATO 14 dicembre

S. Giovanni della Croce

h. 18:30 Eucaristia (in Chiesa)
- ANGELERI DALIA, GRANIER NANDO e LUCIA

DOMENICA
15 DICEMBRE 2019

h. 08:30

h. 10:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

LUNEDÌ 16 dicembre

S. Adelaide

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

- GRESSONI LINO

MARTEDÌ 17 dicembre

S. Lazzaro

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

MERCOLEDÌ 18 dicembre

S. Graziano

h. 08:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

GIOVEDÌ 19 dicembre

S. Anastasio I

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

VENERDÌ 20 dicembre                     h. 08:30                     Eucaristia (in Cappella San Francesco)

S. Liberato

IV DOMENICA DI AVVENTO

Is 7,10-14 Sal 23 Ecco, viene il Signore, re della gloria. Rm 1,1-7; Mt 1,18-24

SABATO 21 dicembre

S.Pietro Canisio

h. 18:30 Eucaristia (in Chiesa)
- secondo l’intenzione dell’offerente

- ANNA, PAOLINO e RAFFAELLA

DOMENICA
22 DICEMBRE 2019

h. 08:30

h. 10:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

 

CONFESSIONI PER NATALE 2019
LUNEDÌ 23 E MARTEDÌ 24
dalle ore 09:00 - 12:00 in Chiesa
CONFESSIONALE MOBILE
Su richiesta per le confessioni mi posso sposto io, don Eugen Mateias e raggiungervi al vostro domicilio. tel. 3333545745

AVVISI

  1. Pulizie della Chiesa: GOLETTA - ENTREVES (15 - 22 dicembre 2019)

  2. Confessioni a Morgex giovedì 19 DICEMBRE 2019 dalle ore 09:00 alle ore10:30. Don Rodolfo

  3. Ringrazio gli organizzatori del MERCATINO DI NATALE. abbiamo raccolto 140 euro per le necessità

    della parrocchia. Grazie!

  4. Vorrei ringraziare tutte le persone che hanno contribuito alla Tombola di Avvento, le mamme che

    hanno organizzato l’evento e tutti i partecipati.

  5. Sabato 21 dicembre 2019 dopo la Santa Messa, per la gioia dei bambini, sarà fatta la

    “BENEDIZIONE DEI BAMBINELLI”, le statuine di Gesù Bambino che i ragazzi porranno poi nei

    presepi delle proprie case.

  6. Responsabile dei fiori - GABRIELLA e MARIE LOUISE tel. 347 096 9869

Dal Vangelo secondo Matteo 11, 2-11

In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».

Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”.

In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui».Parola del Signore.

Subito dopo il passo in cui Gesù invia i suoi discepoli (Mt 10,5-11,1) san Matteo pone questa domanda che ci tocca tanto - come ha chiaramente toccato anche la prima comunità e colui al quale viene qui fatta pronunciare: Non vi sono numerosi argomenti contro Gesù e il suo messaggio? La risposta alla domanda che pongono i discepoli di Giovanni non è senza equivoci. Vi si dice chiaramente: non esiste una “prova” da presentare. Eppure un colpo d’occhio sui capitoli precedenti del Vangelo di san Matteo mostra bene che la lunga lista di guarigioni e miracoli non è stata redatta a caso. Quando la si paragona attentamente a ciò che Gesù fa rispondere a Giovanni, è possibile trovare, nei precedenti testi del Vangelo, almeno un esempio per ogni dichiarazione (i ciechi vedono, gli storpi camminano...). Quando Gesù dice questo, le sue parole fanno pensare alle parole di un profeta. Bisogna che diventi manifesto che in Gesù si compiono le speranze passate anche se molte cose restano ancora incompiute. Non tutti i malati sono stati guariti, non tutto è diventato buono. Ecco perché si legge in conclusione questo ammonimento: “Felice colui che non abbandonerà la fede in me (che non si scandalizza di me)”. Quanto a coloro ai quali questo non basta, Gesù domanda loro che cosa di fatto sono venuti a vedere. Poiché di persone vestite bene se ne trovano dappertutto. Ma se è un profeta che volevano vedere, l’hanno visto! Hanno avuto ragione di andare a trovare Giovanni Battista, poiché la legge e i profeti lo avevano designato. Eppure la gente lo ha seguito come farebbero dei bambini che ballano sulla piazza del mercato senza preoccuparsi di sapere chi suona il flauto. La parabola che segue, e che non fa parte del nostro testo di oggi, dà una risposta che ci illumina: di fatto gli uomini non sanno quello che vogliono. Essi corrono dietro a chiunque prometta loro del sensazionale. (www.lachiesa.it)


DIO VI BENEDICA!

DIOCESI DI AOSTA – PARROCCHIA SAN NICOLA – LA THUILE

FOGLIO SETTIMANALE N°45(2019)

 

IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA B. V. MARIA

II DOMENICA DI AVVENTO

Gen 3,9-15.20; Sal 97 Cantate al Signore un canto nuovo, perché ha compiuto meraviglie. Rm 15,4-9; Lc 1,26-38

SABATO 07 dicembre

S. Ambrogio

h. 18:30 Eucaristia (in Chiesa)

- EDOARDO CAMARDELLA

DOMENICA
08 DICEMBRE 2019

h. 08:30

 

h. 10:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)
- JACQUEMOD ISALINA, FORTUNATO e fam. def.

Eucaristia (in Chiesa)

LUNEDÌ 09 dicembre

S. Siro

   

MARTEDÌ 10 dicembre

Madonna di Loreto

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

MERCOLEDÌ 11 dicembre

S. Damaso I

h. 08:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

GIOVEDÌ 12 dicembre

B.V. Maria di Guadalupe

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

VENERDÌ 13 dicembre                 h. 16:00             Eucaristia (in Microcomunità)

S. Lucia

III DOMENICA DI AVVENTO

Is 35,1-6.8.10 Sal 145 Vieni, Signore, a salvarci. Gc 5,7-10; Mt 11,2-11

SABATO 14 dicembre

S. Giovanni della Croce

h. 10:30                 Battesimo di Mael Ferraris


h. 18:30                 Eucaristia (in Chiesa)
                              - ANGELERI DALIA, GRANIER NANDO e LUCIA

DOMENICA
15 DICEMBRE 2019

h. 08:30

h. 10:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

 

AVVISI

  1. Pulizie della Chiesa: THOVEX-BUIC (08 - 15 dicembre 2019)

  2. Confessioni a Morgex giovedì 12 DICEMBRE 2019 dalle ore 09:00 alle ore10:30.

  3. 7-8 dicembre – MERCATINO DI NATALE nella sala parrocchiale.

  4. 08 dicembre 2019 - GIORNATA DEL SEMINARIO.

  5. Responsabile dei fiori - GABRIELLA e MARIE LOUISE tel. 347 096 9869

Dal Vangelo secondo Luca 1,26-38

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».

A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un Liglio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà Line».

Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un Liglio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei. Parola del Signore.

Abramo concepì Isacco per la fede nella promessa di Dio “e divenne padre di molti popoli” (cf. Rm 4,18-22). Ugualmente Maria concepì Gesù per mezzo della fede. La concezione verginale di Gesù fu opera dello Spirito Santo, ma per mezzo della fede di Maria. È sempre Dio che opera, ma attraverso la collaborazione dell’uomo. Credere, infatti, è rispondere con fiducia alla parola di Dio, accogliere i suoi piani come se fossero propri e sottomettersi in obbedienza alla sua volontà per collaborarvi. La fede vuole sempre: 1) la fiducia in Dio e 2) la professione di ciò che si crede, poiché “con il cuore si crede per ottenere la giustizia e con la bocca si fa la professione di fede per avere la salvezza” (Rm 10,10). Una volta riconosciuta vera la parola di Dio, Maria credette alla concezione verginale di Gesù e credette pure alla volontà di Dio di salvare gli uomini peccatori, la volle e aderì a quel piano lasciandosi coinvolgere: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto” (Lc 1,38). Dalla sua fede quindi nacque Gesù e pure la Chiesa. Perciò, insieme ad Elisabetta che esclamò: “Beata colei che ha creduto all’adempimento delle parole del Signore” (Lc 1,45), ogni generazione oggi la proclama beata (cf. Lc 1,48). La Chiesa ha il compito di continuare nel mondo la missione materna di Maria, quella di comunicare il Salvatore al mondo. Il cristiano di oggi deve fare proprio il piano di Dio “il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati” (1Tm 2,4), proclamando la propria salvezza e lasciandosi attivamente coinvolgere nel portare la salvezza al prossimo, poiché “in questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli (Gv 15,8). (www.lachiesa.it)

DIO VI BENEDICA!

 

TOMBOLA DELL’ AVVENTO!

Sabato 07 DICEMBRE 2019

Luogo: Sala degli Alpini

Ore 19:30 - aperitivo

ore 20:30 tombola

 

DIOCESI DI AOSTA – PARROCCHIA SAN NICOLA – LA THUILE

FOGLIO SETTIMANALE N°44(2019)

01 - 08 dicembre 2019

 

I DOMENICA DI AVVENTO

Is 2,1-5; Sal 121 Andiamo con gioia incontro al Signore. Rm 13,11-14a; Mt 24,37-44

SABATO 30 novembre

S. Andrea apostolo

h. 18:30 Eucaristia (in Chiesa)

DOMENICA
01 DICEMBRE 2019

h. 08:30

 

h. 10:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)
- LOUISE, CHARLES, MARIE e BERNADETTE
- per i benefattori della parrocchia
Eucaristia (in Cappella San Francesco)
- ROSARIO, CARMELA, MARIO, ROSA, MICHELA e GRAZIA

LUNEDÌ 02 dicembre

S. Bibiana

   

MARTEDÌ 03 dicembre

S. Francesco Saverio

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

MERCOLEDÌ 04 dicembre

S. Barbara

h. 18:00

PATRONO DI ENTREVES

Eucaristia (in Cappella Santa Barbara)

- per i defunti del villaggio

GIOVEDÌ 05 dicembre

S. Dalmazio di Pavia

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

- COLLOMB PAOLO e ANNA

VENERDÌ 06 dicembre

S. Nicola di Bari

h. 08:30

 

 

h. 09-12:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

- per i coniugi defunti


Adorazione Eucaristica

IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA B. V. MARIA

II DOMENICA DI AVVENTO

Gen 3,9-15.20; Sal 97 Cantate al Signore un canto nuovo, perché ha compiuto meraviglie. Rm 15,4-9; Lc 1,26-38

SABATO 07 dicembre

S. Ambrogio

h. 18:30 Eucaristia (in Chiesa)

DOMENICA
08 DICEMBRE 2019

h. 08:30

 

h. 10:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)
- JACQUEMOD ISALINA,FORTUNATO e fam. defunti

Eucaristia (in Chiesa)

AVVISI

  1. Pulizie della Chiesa: MOULIN (01 - 08 dicembre 2019)

  2. Confessioni a Morgex giovedì 05 DICEMBRE 2019 dalle ore 09:00 alle ore10:30.

  3. 01 dicembre 2019 - Giornata diocesana del “Corriere della Valle” e di “Radio Proposta”.

  4. 02 dicembre 2019 - Incontro di accompagnamento per separati e divorziati ad Aosta/Maria Immacolata

  5. 08 dicembre 2019 - GIORNATA DEL SEMINARIO.

  6. Responsabile dei fiori - GABRIELLA e MARIE LOUISE tel. 347 096 9869

Dal Vangelo secondo Mateo 24, 37-44

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, Gino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla Ginché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata. Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo». Parola del Signore.

Questo testo non fa parte di quelli che si scelgono deliberatamente per trovarvi un conforto e risollevarsi il morale. Eppure la Chiesa mette un tale ostacolo all’inizio dell’anno liturgico. Si tratta di abbandonare il trantran, le abitudini, le usanze, di convertirsi e ripartire da zero. Al di là della gioiosa novella del Vangelo che annuncia la venuta redentrice di Dio, si dimentica e si respinge facilmente l’eventualità del giudizio, anche se non la si contesta assolutamente “in teoria”. È il pericolo che corrono i discepoli di tutte le epoche. Se non si aspetta ogni giorno la sentenza di Dio, non si tarda a vivere come se non esistesse giudizio. Di fronte ad una tale minaccia, nessuno può prendere come scusa lo stile di vita “degli altri”: nessuno può trincerarsi dietro agli altri per sottrarsi al pericolo di essere dimenticato dal Signore. Salvezza e giudizio sono affini uno all’altro, ci scuotono nel bel mezzo della nostra vita: sia nel momento delle grandi catastrofi (la grande inondazione è qui evocata) sia nel corso del lavoro quotidiano nei campi o in casa. Uno è preso, trova scampo, è salvato; un altro è abbandonato. Ma non essere tratti d’impiccio non dipende chiaramente dal beneplacito degli altri. È l’uomo stesso che ha nelle sue mani la propria salvezza o la propria perdizione. Ecco perché, come spesso nel Vangelo, questo brano si conclude con un appello alla vigilanza. (www.lachiesa.it)

DIO VI BENEDICA!

 

TOMBOLA DELL’ AVVENTO! Sabato 07 DICEMBRE 2019

Luogo: Sala degli Alpini

Ore 19:30 - aperitivo

ore 20:30 tombola