La Thuile Invernale

DIOCESI DI AOSTA – PARROCCHIA SAN NICOLA – LA THUILE

FOGLIO SETTIMANALE N°35(2020)

08 - 15 novembre 2020

 

XXXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Sap 6,12-16; Sal 62 Ha sete di te, Signore, l’anima mia. 1Ts 4,13-18; Mt 25,1-13

SABATO 07 novembre

S. Ernesto

h. 18:30 Eucaristia (in Chiesa)

-       ANNA e PAOLINO

-       Per tutte le famiglie e per i bambini del catechismo

DOMENICA

08 novembre 2020

 

h. 08:30

 

Eucaristia (in Chiesa)

LUNEDÌ 09 novembre

Dedicazione della Basilica Lateranense

 

 

MARTEDÌ 10 novembre

S. Leone Magno

h. 18:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

- JACQUEMOD GINA

MERCOLEDÌ 11 novembre

S. Martino di Tours

 

 

GIOVEDÌ 12 novembre

S. Giosafat

 

 

VENERDÌ 13 novembre

S. Imerio

h. 08:30

Eucaristia (in Cappella San Francesco)

XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Pr 31,10-13.19-20.30-31; Sal 127 Beato chi teme il Signore. 1Ts 5,1-6; Mt 25,14-30

SABATO 14 novembre

S.Giocondo

h. 18:30 Eucaristia (in Chiesa)

- MAGNANIMI ANGELO, VALENTINA e TERESA; SABELLICO SISITO

 

DOMENICA

15 novembre 2020

 

h. 08:30

 

Eucaristia (in Chiesa)

AVVISI

1. Responsabile dei fiori - GABRIELLA e MARIE LOUISE tel. 347 096 9869.
2. Pulizia della Chiesa 08 - 15 novembre 2020 - GOLETTA - ENTREVES

 

 

Dal Vangelo secondo Matteo 25,1-13

 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola:

«Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono.

A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge: “Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”.

Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”.

Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora». Parola del Signore.

 

 

 

Ai tempi di Gesù la sposa aspettava nella casa dei genitori l’arrivo dello sposo. Dopo il tramonto del sole, lo sposo arrivava con un corteo nuziale per portarla nella sua casa. Alcune damigelle seguivano la sposa. Diverse ragioni potevano causare il ritardo dello sposo come, per esempio, lunghi discorsi con i genitori della sposa sui doni e sulla dote. Il tirare in lungo le trattative era di buon auspicio. Ma non è lo stesso per le spose di cui si parla nel Vangelo di oggi. Qui si tratta infatti del ritorno di Cristo e tutto è riassunto nelle ultime parole: “Vegliate, dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora”, cioè: “Siate pronte per l’arrivo di Cristo”. Così la parabola delle vergini poteva cominciare con questa frase: “Per il regno dei cieli accadrà come per le dieci vergini che uscirono, con le loro lampade, incontro allo sposo”. Agli occhi di Gesù, è saggio chi veglia, cioè chi pensa sempre, nel suo animo, al giorno del ritorno del Signore e all’ora della propria morte, chi vive ogni giorno nell’amicizia di Dio, nella grazia santificante, e chi si rialza subito se, per debolezza, cade. Allora “Vegliate”, perché nessuno, all’infuori di Dio, conosce il giorno e l’ora.

 

DIO VI BENEDICA!